Roma: Grassi (RSR), dopo le europee tavolo aperto con la società civile per uscire dalla crisi

Abbiamo assistito all’ennesima campagna elettorale fatta di promesse ma soprattutto di scarsa attenzione ai temi che riguardano Roma, la Capitale d’Italia che oggi purtroppo non ha nulla a che spartire in termini di risorse, opportunità e sviluppo con le altre capitali europee. Per questo motivo chiediamo di aprire un tavolo di confronto a partire dal 27 maggio per affrontare la crisi del lavoro e delle imprese, gli aiuti alle famiglie romane in difficoltà, il degrado e le inefficienze delle società partecipate per lanciare un grande progetto civico per la città di Roma, che deve nascere dalla società civile. A sostenerlo è Raimondo Grassi, presidente del movimento civico Roma Sceglie Roma.

In queste settimane è tornato di moda il ritornello dello Statuto speciale e delle attenzioni alla Capitale. Peccato che tutte queste promesse chi in questi ultimi vent’anni ha governato Roma, a turno, sono state puntualmente disattese. E allora perché i romani dovrebbero credergli adesso?, si chiede Grassi.

Quello della Legge Speciale è un tema sul quale il movimento Roma Sceglie Roma sta lavorando da oltre tre anni, insieme ai cittadini e ai comitati civici, distinti e distanti dalla politica che ha ridotto Roma in questo degrado. Riteniamo che Roma non debba essere più oggetto di capricci elettorali fra i partiti. Servono norme chiare che consentano di far ripartire l’economia in fretta senza passare per riforme costituzionali che rappresenterebbero l’ennesima presa in giro ai romani” conclude il presidente di Roma Sceglie Roma.

Lo comunica in una nota l’Ufficio Stampa di Roma Sceglie Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + dodici =